Hashtagcharity.org –> donare il proprio sapere …

HashtagCharity

Donare il proprio sapere a fin di bene … ?! E’ quello che hanno pensato di fare gli amici di HastagCharity.org, funambolici pionieri del social IT. La loro offerta nel settore del Non Profit è chiara e leggibile, semplice quanto rivoluzionaria….

Sei una Non Profit … ?! Hai bisogno di supporto informatico o tecnologico per realizzare le tue missioni umanitarie … !? Bene, allora HastagCharity.org è la soluzione giusta per te!

Hashtagcharity consente ai professionisti dell’ IT di mettere a disposizione le proprie competenze tecnologiche per aiutare organizzazioni non profit ridurre i costi dell’ IT. Riducendo tali costi IT, le organizzazioni non profit possono utilizzare questi risparmi nelle missioni umanitarie, in modo da rendere il mondo un posto migliore in cui vivere.

Tutti  i progetti presenti nella piattaforma sono dedicati ad una buona causa e il gruppo di volontari dedicato a implementare la soluzione IT verrà assemblato tenendo conto delle proprie caratteristiche personali e professionali. Pertanto il volontario, esperto informatico, potrà collaborare con altrettanto validi colleghi per cercare una soluzione nuova a problemi vecchi, consentendo alle associazioni non profit, di avere un supporto valido che altrimenti non potrebbero permettersi di pagare!

Quindi per collaborare bisogna essere dei cervelloni informatici alla Steve Wozniak? Niente affatto: difatti i progetti sono affidati ai volontari in base al livello delle loro competenze tecniche e gli strumenti messi a disposizioni sono di grado elevatissimo, in modo da rendere l’esperienza piacevole e formativa.

Se volete avere ulteriori informazioni su questa straordinaria operazione benefica non esitate a dare un’occhiata al sito http://hashtagcharity.org …

Aderisco entusiasticamente alla campagna Reset the net!

Dopo aver iniziato a parlare ai genitori di come utilizzare in modo sicuro internet credo che mi attrezzerò per insegnare ad utilizzare i diversi strumenti di questo indispensabile “Pacchetto Sicurezza”.

Che cosa ne pensate?

“Homo Rarus” terza edizione si avvicina …

 

Molte le pre-iscrizioni all’evento in cui si parla del mestiere di padre e per gli ultimi posti Cosa resta del padredisponibili è possibile segnalare la propria presenza scrivendo una mail agli Organizzatori. Clicca qui per iscriverti!

Alcuni suggerimenti per approfondire i temi che verranno trattati durante il seminario sono:

  • la visione del film “Locke” – regia di Steven Knight in programmazione a Milano proprio in questi giorni
  • la lettura del libro di Massimo Recalcati “Cosa resta del padre“, editore Cortina Raffaello

Durante il convegno che si terrà il 14 di giugno a Pieve di Verdeto nel piacentino si affronteranno le problematiche che i figli hanno segnalato, in modo da stimolare la risoluzione dei problemi. Clicca qui per scaricare la brochure di HomoRarus 2014-email.

immagine tratta da terzi

Bando Giovani e Idee di Impresa

Giunto alla seconda edizione, il bando “Giovani e Idee di Impresa” rientra nelle progettualità sviluppate in www.unimpresa.itcollaborazione con la Regione Emilia Romagna all’interno dei Piani di Zona del benessere e la salute per gli anni 2012-2013-2014. Il bando è riservato a giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni e prevede un contributo a fondo perduto per gli aspiranti imprenditori piacentini ( Clicca qui se vuoi scaricare il bando).

L’iniziativa intende stimolare l’imprenditorialità giovanile creando occasioni di valorizzazione delle idee dei giovani, dei loro saperi e talenti come risorsa per lo sviluppo e accrescimento di competenze. Per partecipare è necessario avere la residenza nel Comune di Piacenza e inviare un Business Plan per via telematica.

La peculiarità del bando è lo stanziamento di  40.000 euro a fondo perduto destinati alle start up di impresa giovanili che saranno attive nei seguenti settori:

  • valorizzazione del patrimonio culturale e/o ambientale;
  • turismo sociale, sostenibile e responsabile;
  • commercio e agricoltura equo solidale e industria del gusto;
  • arte, architettura, design industriale, moda, creatività, artigianato;
  • tecnologie, software, web 2.0, editoria, tv e radio, pubblicità, cinema, musica e spettacolo.

Le domande possono essere presentate entro il 20 giugno, compilando i formulari presenti sul sito del Comune. Sarà inoltre attivo uno sportello di orientamento e tutoraggio per supportare i giovani nella trasposizione della loro idea di impresa in un business plan presso:

Ufficio Politiche Giovanili in viale Beverora 59 : giovedì dalle 11 alle 13
Spazio 2 via XXIV Maggio 51,53: martedì dalle 18.30 alle 20.30
(contatto mail: giovani@comune.piacenza.it)

n.b. foto tratta da terzi

 

 

Cercatori di futuro!

Tracce di Futuro” è un ampio percorso di ascolto, conoscenza e consultazione del mondo giovanile dal-orologio-011piacentino, promosso a partire dall’annualità 2012-2013 dal Comune di Piacenza. L’interessante convegno si terrà Lunedì 19 maggio 2014 a partire dalle ore  9:00  presso Palazzo Farnese (Cappella Ducale) in Piazza Cittadella, 29  a Piacenza. Clicca per leggere il programma.

L’intento di promozione della partecipazione e del protagonismo giovanile si esprimerà anche attraverso l’intervento di referenti della Consulta comunale Giovani di cui fa parte la Dr.ssa Laura Garnerone, socio fondatore de La Forma del Cuore; la Consulta presenterà ulteriori spunti di riflessione sul futuro, stimolando la discussione tra giovani di diverse fasce di età su temi a loro cari.

Lo scopo di questa iniziativa rivolta ai giovani, riassunta nell’evento che si terrà a Palazzo Farnese, è quello di costruire una sorta di autobiografia comunitaria attraverso la testimonianza della condizione giovanile e di come i giovani immaginino il proprio futuro. La metodologia adottata ha carattere narrativo: mediante la raccolta di forme diversificate di espressione (voci, storie, immagini) “Tracce di futuro” convoglia pertanto in sé diversi progetti che hanno coinvolto giovani piacentini nell’ampia fascia di età 14 – 35 anni, con il fine ultimo di favorire il protagonismo giovanile. Si tratta di iniziative formative, in ambito scolastico, di ricerca e di espressione di punti di vista, avviate con la collaborazione di diverse realtà, quali il Comune di Piacenza, l’ Università Cattolica e l’ Associazione Concorto.